Acqua un bene prezioso, nelle foto di Alessandro Bergamini

Oggi, prendendo spunto dalle foto di Alessandro Bergamini in mostra a Milano, voglio parlare di acqua, un bene prezioso per tutti, anche se a rendersi conto della sua importanza è soprattutto chi non vi ha accesso.

Cascata foto di ALESSANDRO Bergamini

Un tema che è al centro della mostra allestita a Milano, in via Luca Beltrami (Piazza Castello) e visitabile fino al 15 giugno. Una rassegna fotografica che mette insieme una trentina di scatti che raccontano un viaggio, quello che il fotografo internazionale Alessandro Bergamini ha fatto la scorsa estate in Indonesia nell’isola di Sumba. Un piccolo lembo di terra nell’arcipelago delle Piccole Isole della Sonda. Con lui il giornalista Vincenzo Petraglia e il filmmaker Mattia Bianco, il tutto coordinato da Wise Society.

La mostra non documenta solo gli splendidi paesaggi e i volti dei suoi abitanti, ma vuole anche raccontare il significato e il valore di questo viaggio realizzato in collaborazione con Save The Duck per il progetto Nothing Like Water, che ruota attorno alla risorsa acqua.

L’acqua è un bene per noi troppo spesso scontato, basta aprire un rubinetto e l’acqua è lì pronta a soddisfare ogni nostro minimo bisogno, alimentare o igienico che sia, pronta, purtroppo, anche ad essere sprecata. Ma non è così ovunque, ci sono alcune parti del mondo dove l’acqua non è non facilmente accessibile, con tutto quello che questo comporta, dalla malnutrizione alle malattie legata alla mancanza di igiene.

bambina

Fra le popolazioni che non hanno facile accesso all’acqua anche quella di Sumba, una piccola isola e qui è arrivato il progetto di Save The Duck per garantire anche a loro di poterne fruire.

donna

“Interagendo con la popolazione locale e visitando vari villaggi dell’isola, – ha commentato Nicolas Bargi, Founder e CEO di Save The Duck.ho acquisito una comprensione più profonda dell’interconnessione tra conservazione ambientale, sviluppo della comunità e tutela della cultura locale. Il mio viaggio a Sumba è stato commovente e stimolante per me e ha rafforzato la mia convinzione che viaggiare non solo può arricchire le nostre vite ma anche instillare cambiamenti positivi nel mondo attorno a noi”.  

serbatoi foto di ALESSANDRO Bergamini

Grazie al questo progetto e all’impegno concreto di Save The Duck – brand outerwear e lifestyle 100% animal-free – nel bilanciare il consumo idrico legato alla produzione dei propri capi e dei materiali necessari per realizzarli, è stato possibile garantire l’accesso all’acqua potabile a 4216 persone e 37 villaggi. Ma non finisce qui la missione di Save The Duck prosegue con l’obiettivo di continuare a sviluppare le infrastrutture necessarie per garantire l’accesso diretto all’acqua potabile a un numero sempre maggiore di utenti. Senza contare poi che un più facile accesso alle risorse idriche si traduce anche per la popolazione non solo in un miglioramento delle condizioni di vita e igienico-sanitarie, ma offre anche la possibilità di creare economie sostenibili.

Le foto sono tratte dalla mostra di Alessandro Bergamini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *