Al ristorante Terra di Eataly torna dal banco alla tavola

Si chiama “Dal banco alla tavola” il progetto di Eataly Ostiense che offre ai clienti del ristorante Terra la possibilità di vivere in prima persona una particolarissima esperienza gastronomica che li vede protagonisti della cena (o del pranzo).

Dal banco alla tavola

La scelta di cosa mangiare non parte dal solito menù, ma direttamente dal banco della pescheria o della macelleria, con la garanzia di avere nel piatto prodotti freschissimi e di alta qualità che vengono poi cotti direttamente alla griglia.

Il progetto non è nuovo, ma riparte ora. Nato alla vigilia della pandemia aveva riscosso subito un grande successo, poi la situazione sanitaria del Paese aveva portato a uno stop forzato.

Una scelta di qualità

Il valore aggiunto di questo progetto sta soprattutto nell’attenzione con la quale vengono scelti i prodotti, una scelta che determina anche il diverso assortimento è a disposizione del cliente.

Banco della pescheria

Per la pescheria infatti quello che si trova è solo pesce freschissimo, proveniente dal litorale che va da Porto Ercole ad Anzio. Il pesce che arriva tutti i giorni, dal martedì al sabato, è quello pescato dalle cooperative di pescatori, pesce di primo sbarco che dalla barca passa direttamente alla cassetta con ghiaccio per arrivare da Eataly e soddisfare il palato esigente di una clientela come quella romana.

Questo garantisce pesce di ottima qualità, dall’altro non può garantire sempre lo stesso assortimento, tutto dipende da cosa finisce nelle reti dei pescatori. Senza contare che le giornate di maltempo possono avere come diretta conseguenza un’offerta minore al banco. In ogni caso si cerca sempre di garantire almeno una decina di tipi diversi di pesce, tutti rigorosamente di acqua salata.

Banco macelleria

Diversa la situazione in macelleria, che qui a Eataly Roma vanta il banco più grande di tutti gli Eataly del mondo, con la diretta conseguenza di avere una scelta molto vasta.

Sia per quanto riguarda i vari tipi di carne – dal bovino di razza Fassona Piemontese Presidio Slow Food, al suino, il pollo e naturalmente le carni frollate – sia per i vari tagli. Questo perché la macelleria di Eataly acquista l’animale intero, offrendo ai consumatori una scelta a tutto tondo che comprende anche il, tanto apprezzato, quinto quarto.

Se la qualità dei prodotti di pescheria è garantita dal fatto che il pesce arriva a meno di 24 ore dalla pesca direttamente dal mercato senza intermediari, per quanto riguarda la macelleria questa è legata alla scelta delle aziende agricole, una settantina in totale, che puntano la loro produzione del tutto naturale che segue il progetto Granda, nato nel 1996 tu iniziativa del veterinario Sergio Capaldo, che ha messo in piedi un consorzio del quale attualmente fanno parte un ottantina di allevatori di varie che seguono le regole di allevamento da lui elaborate basate su il giusto equilibrio tra benessere ambientale, animale e sociale.

Tra i punti di questo progetto c’è la cosiddetta linea vacca vitello, che vede i piccoli bovini crescessero accanto alla mamma bevendo il latte che è tutto per loro. Importante poi anche l’alimentazione che ha bandito gli insilati a favore di un cibo crusca, mais e fieno di prato stabile, ovvero quello che cresce sulla malga sopra i 17 metri, un prato ricco di erbe diverse a vantaggio della qualità del prodotto finale. A questo proposito c’è anche da aggiungere che agli animali, fin dalla nascita, non vengono dati antibiotici. Non sono solo parole, perché il tutto è controllato da certificatori terzi.

Tutta questa attenzione ha come conseguenza dei costi maggiori, quando Eataly acquista la carne sa che la pagherà circa il 30% in più, ma sa anche di offrire ai propri clienti un prodotto di alta qualità.

Una griglia lunga 3 metri

Voi cosa preferite mettere sul piatto, carne o pesce?

Qualche che sia la vostra scelta a dare il tocco finale al vostro piatti ci pensano gli chef di Eataly che cucineranno il pesce o la carne sulla grande griglia del ristorante Terra: lunga 3 metri, creata artigianalmente e alimentata dal carbone vergine di Leccio della Calabria, scelto per la sua naturalità e aromaticità che rende unico ogni piatto. Si sa, il calore del fuoco ha il potere di esaltare al massimo il sapore dei cibi, senza contare che si tratta di una cucina sana, perfetta anche per chi sta a dieta.

Foto Claudia del Bianco

Vini, cocktail e aperitivi

Ad accompagnare ogni piatto anche un contorno di verdure, rigorosamente di stagione, e il vino della ricca enoteca di Eataly che conta oltre 70 referenze e permette di esplorare nuovi orizzonti degustando bottiglie che valorizzano tecniche e tradizioni antiche. Visto che parliamo di griglia e di fuoco anche il vino ha la sua parte, tra le proposte della carta dei vini anche molti vini laziali le cui uve sono coltivate su terreni che affondano le radici in suoli di origine vulcanica.

E per finire, al ristorante Terra trovate anche una selezione di cocktail: dal classico spritz al gin tonic, passando per il boulevardier. Perfetti come aperitivo ma anche a tutto pasto.

Una serata da Eataly

Nei giorni scorsi sono stata invitata al ristorante Terra di Eataly Ostiense, prima di cena ho avuto occasione non solo di bere uno dei cocktail del bar, ma anche di assaggiare le loro pizze, fatte con  Farina Senatore Cappelli e delle patate buonissime che sono prima cotte a vapore e poi fritte due volte, ve le consiglio vivamente, io no ho mangiate due porzioni.

A cena ho rinunciato alla carne, che come sapete io non mangio, ma mi sono rifatta con le portate di pesce: spigola, gamberi rossi e calamari. Tutto buonissimo, ma i calamari erano da applauso. Il bilancio di questa serata è ottimo e ve lo consiglio tra i locali dove mangiare a Roma.

Il ristorante Terra lo trovate al secondo piano ed è aperto tutti i giorni sia a pranzo (dalle 12 alle 15, sabato e domenica orario prolungato fino alle 15,30) sia a cena (dalle 19 alle 20).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *