Cosa mangiare a Cuba e cosa bere

 

Cosa mangiare a cuba

Se c’è una cosa che a Cuba non vi deve preoccupare è il cibo, mangiare è quanto di meglio si può cercare: si mangia bene e si spende. Anzi a volte si riesce a spendere anche pochissimo. 
I sapori di Cuba si iniziano ad apprezzare a colazione, siamo in un paese tropicale e la mattina in tavola non possono mancare frutta fresca e succo naturale.
Il mio preferito è quello di mango, ottimo anche quello di ananas e di guayaba, frutto che però non incontra le mie preferenze. 

Mango a Cuba


La mattina a tavola non manca mai del pane fresco, uova, formaggio, prosciutto e neppure latte, caffè. Le colazioni migliori sono quelle che vi vengono servite nelle casas particulares. Quelle degli alberghi lasciano spesso a desiderare.

mangiare a Cuba
Con una colazione così abbondante a pranzo va bene un toast, della frutta fresca o una pizzetta. Il ristorante lasciamolo per la cena. A Cuba si mangia bene, la cucina è ottima, ma pecca un po’ in varietà. Le voci sul menù sono sempre le stesse: pollo, maiale, gamberi, pesce e soprattutto aragoste, quasi fino a stancarsene. 

Un’aragosta a Cuba costa una decina di euro, quindi alla fine è il piatto più ordinato. Accanto al piatto principale in genere viene servito del riso con fagioli neri, patate o banane fritte.
 
A Baracoa c’è chi offre la tartaruga, dite di no senza indugio: non si mangia un animale in via d’estinzione. Senza contare che la sua provenienza potrebbe anche essere illegale. A proposito di Baracoa, tutto da gustare il pescado a la Santa Barbara, pesce cotto nel latte di cocco.
Cosa mangiare e cosa bere a Cuba
Ora che vi ho detto cosa mangiare a Cuba vi dico cosa bere. Da assaggiare, almeno una volta, c’è anche il “Guarapo” cioè il succo di canna, bevuto puro o con il rum. Io ho assaggiato un sorso di quello puro, troppo dolce, non mi è piaciuto. Però va provato.
 
Da non perdere poi i cocktail: daiquiri, mojito, cuba libre e per chi come me non ama la cola, rum liscio. Ricordate che è sempre meglio evitare il ghiaccio, anche se nelle zone più turistiche è fatto con acqua controllata.
 
Una specialità da non perdere è quella che ho provato a Vinales: latte di cocco e rum, servito all’interno della noce fresca e bevuto con la cannuccia. La ricetta originale voleva del succo di pompelmo, ma visto che a me non piace mi sono dovuta accontentare di cocco e rum. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *