Cubani sulle strade del mondo


CubaEh sì, qualcosa a Cuba sta veramente cambiando! Sta facendo il giro del mondo la notizia che il governo castristra abbia deciso di eliminare le restrizioni sui viaggi all’estero. A partire dal 14 gennaio 2013 i cubani potranno lasciare l’Isola più facilmente grazie all’eliminazione delle restrizioni richieste fino ad oggi per ottenere il visto.

Era del 1961 che, per arginare la migrazione di massa dei cubani, dopo l’avvento di Fidel Castro, il governo impose limiti che prevedevano di una lettera d’invito da parte di un cittadino del Paese nel quale intendeva recarsi  e un permesso particolare, che le autorità potevano rifiutare senza alcuna giustificazione. E come se ciò non bastasse, il permesso di uscita costava 150 dollari, troppi per chi ogni mese guadagna appena 15 dollari! Infine il periodo di permanenza non poteva superare gli 11 mesi, chi violava questa norma rischiava di non poter più rientrare nel Paese e di versi confiscare tutti i beni e altre sanzioni. 

Auto cubana

Da gennaio tutto cambierà e basterà essere in possesso di passaporto (che deve comunque essere rilasciato dalle autorità cubane) e dell’eventuale visto del Paese in cui recarsi. Insomma, dopo mezzo secolo i cubani saranno liberi di partire senza dover chiedere un permesso preventivo e non è tutto: il periodo massimo di permanenza  all’estero passa da 11 a 24 mesi. Dopo due anni sarà poi possibile ai cubani chiedere un’estensione.cimitero Sant'Ifigenia Santiago de Cuba

Rimangono però esclusi da questa riforma alcune categorie: scienziati, militari (compreso chi ancora deve svolgere il servizio militare), chi ha carichi pendenti e chi ricopre particolari incarichi considerati importanti per lo sviluppo del Paese insomma una norma contro la “fuga dei cervelli”. 

La riforma sui viaggi all’estero era attesa da tempo e segue una serie di riforme, circa 300, varate da Raul Castro che stanno profondamente cambiando la vita dei cittadini, ponendo fine a numerose restrizioni e divieti in vigore da troppo tempoCuba

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.