Fori Imperiali, presto la nuova passeggiata archeologica

Presto Roma avrà una nuova passeggiata archeologica, quella dei Fori Imperiali, questa mattina è stato presentato alla stampa il progetto che ha vinto il concorso internazionale per la sua progettazione e realizzazione.

Presentazione della nuova passeggiata archeologica

Ed è così che capita che tra i 23 progetti pervenuti ha vincere sia stato quello di uno studio romano, o studio di architettura e pianificazione urbana Labics, di Maria Claudia Clemente e Francesco Isidori, al quale andrà il premio di 135 mila euro, mentre agli altri finalisti andranno 100 mila euro ciascuno come rimborso spese.

La commissione giudicatrice, formata da 5 membri e presieduta dal celebre Architetto portoghese Joao Luis Carrillho da Graça, ha prima selezionato i cinque finalisti e poi tra questi il vincitore. Un compito – come sottolineato dallo stesso Carrillho da Graça, collegato in videoconferenza – che è stato molto difficile perché tutte le proposte pervenute erano di qualità.

Queste le motivazioni della giuria

Il progetto risponde in modo completo ed esaustivo alle richieste del bando, articolando le soluzioni nei diversi lotti di intervento con sostanziale approfondimento e cura nei dettagli. La proposta appare molto efficace nel rendere chiaramente riconoscibili le relazioni trasversali che si instaurano fra via dei Fori Imperiali e le aree archeologiche dei diversi lotti attigui: la sistemazione architettonica e urbana delle pavimentazioni accoglie infatti le direttrici provenienti dai diversi sistemi urbani coinvolti e garantisce al contempo ampi spazi fruibili senza barriere da pedoni e ciclisti. La sede stradale è messa in evidenza da una scelta materica differenziata (in questo caso il sampietrino già esistente), garantendo peraltro il permanere di un segno rilevante nella successione temporale degli accadimenti storici dell’area.

La commissione ritiene inoltre convincenti sia la soluzione proposta per la sistemazione della scarpata sottostante via Nicola Salvi, la quale risolve con un unico gesto architettonico le molteplici esigenze funzionali e paesaggistiche del particolare contesto esistente, sia il progetto del centro servizi su via del Tempio della Pace, con particolare riferimento alle proporzioni individuate per il loggiato esterno. L’utilizzo del legno per la pavimentazione (lotto 2) risulta convincente soprattutto nella volontà di rimarcare una evidente dicotomia tra caratteri reversibile e strutturale degli interventi, tuttavia richiede una verifica sul piano della fattibilità

progetto della nuova passeggiata archeologica

Il progetto, una volta ultimato, doterà a Roma di un grande anello pedonale che unirà tra loro l’intera area archeologica centrale della città – dai Fori, al Colosseo, al Celio, al Palatino, alle Terme di Caracalla, al Circo Massimo, fino al Campidoglio – rimettendola al contempo in connessione con la città moderna e la vita quotidiana dei rioni circostanti.

Foro traiano e via dei fori imperiali

Una passeggiata archeologica unica al mondo che congiungerà via dei Fori Imperiali con gli altri percorsi intorno al Colle Palatino, intercettando l’itinerario ciclo-pedonale di via di S. Gregorio, di via dei Cerchi, di via di S. Teodoro e delle salite e discese del Colle Capitolino, e che sarà caratterizzata da un incremento dei servizi dell’area, tra cui spazi pedonali, aree verdi, balconate, percorsi sopraelevati e percorrenze ciclo-pedonali.

Conferenza stampa Presentazione della nuova passeggiata archeologica

A svelare il progetto vincitore questa mattina sono intervenuti il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, del Sindaco di Roma Roberto Gualtieri e del Sovrintendente Capitolino Claudio Parisi Presicce, segno di una proficua collaborazione tra amministrazione statale e comunale.

Sangiuliano e Gualtieri

Per la realizzazione del progetto bisognerà attendere i tempi tecnici. Per prima cosa la graduatoria provvisoria sarà ora oggetto delle verifiche di legge a questo punto il vincitore procederà con il perfezionamento del progetto di fattibilità tecnico-economica. Al termine di questa fase sarà indetta la Conferenza dei Servizi, e nel frattempo sarà affidato il progetto esecutivo e indetta la gara di appalto. Completata questa prima fase a settembre tutto dovrebbe essere pronto per dare il via ai lavori, il cui costo stimato è di euro 18,8 milioni di euro.

Tavola del progetto

Al termine dei lavori Roma avrà la più belle delle passeggiate archeologiche che faranno tra le altre cose di via dei Fori Imperiali una grande agorà incontrarsi e dove camminare circondati dalla storia sulla quale ci si potrà affacciare grazie a strutture in legno rimovibili, un progetto all’insegna della socialità e della sostenibilità che trasformerà la funzione della via, fino ad oggi vista prevalentemente come asse di collegamento tra Colosseo e Piazza Venezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *