Il castello di Meung sur Loire

Senza castelli che Valle della Loira è?

Il mio giro tra i castelli, che con la loro presenza segnano il corso del più lungo fiume francese, è inziata a Meung sur Loire, un castello forse meno noto di tanti altri, ma che tra le sue mura nasconde delle “chicche” decisamente da non perdere.
Il Castello è privato e abitato, questo da solo vi fa capire che non è interamente aperto al pubblico, ma la cura del suo allestimento è veramente accurata. Il percorso di visita diventa così un vero e proprio itinerario di scoperta della vita nel castello.

Qui vivevano i vescovi di Orelans

Fino alla Rivoluzione Francese il castello di Meung sur Loire era la residenza dei vescovi di Orléans.
Appena varcato il cancello abbiamo posato le nostre biciclette. Davanti a noi i due castelli, il primo, quello più vecchio e più piccolo del XII secolo e poco più avanti il secondo realizzato un secolo dopo.

Il castello di Meung sur Loire ha una doppia facciata.

Da un lato quella medioevale, dove è ancora visibile il segno del vecchio ponte levatoio, dall’altro la facciata del XVIII secolo, testimone dei numerosi rifacimenti che il castello ha visto nel corso dei secoli. E’ incredibile, basta girare l’angolo e sembra di aver di fronte un altro castello!

Qual è il dettaglio che, per questo castello, fa la differenza?

Uno in particolare, cioè che si visita dai sotterranei al sottotetto. Particolare non indifferente se pensate che dei 150 castelli della Loira aperti al pubblico, solo cinque portano i visitatori a scoprire il sottotetto. Qui si conservava il grano e veniva steso il bucato.

 Poi con il tempo ha iniziato a raccogliere oggetti vari, come accade per le moderne cantine.

Il castello di Meung sur Loire sembra vissuto

Durante la visita a questo castello la cosa che mi ha colpito particolarmente è stato il finto disordine: dal piumino sul puff, al vestito adagiato sul letto e ancora l’odore di legna bruciata in cucina. Insomma piccoli tocchi che gli danno un’aria vissuta.

Molto interessante anche la visita alla cucina medioevale e alla stanza dedicata all’erboristeria, insomma la farmacia del castello.
Le stanze sono tutte accuratamente arredate e restaurate, pensate che per restituire alla camera da pranzo l’aspetto originario è stato necessario rimuovere ben dieci strati di carta da parati.

Una collezione di vasche da bagno

Tra le cose che ho apprezzato maggiormente, e che costituiscono uno dei motivi per cui vi consiglio una visita, è l’aspetto igienico.  
Per prima cosa nel castello troviamo un raro esempio di vasca da bagno in muratura del XVIII secolo e una più vecchia di un centinaio d’anni e poi una collezione di vasche da bagno che ci fa capire come il bagno non era poi una pratica così rara come qualcuno forse crede.

Certo che non doveva essere facile scaldare l’acqua e riempire le vasche, secchio dopo secchio.

Pur comprendendo questa difficoltà, fa un po’ sorridere scoprire che nella stessa vasca, cioè con la stessa acqua, si lavavano più persone. 

A raccogliere le impurità, tra un bagno e l’altro, era un lenzuolo adagiato sul fondo.

La visita si conclude nei sotterranei, tra sala di tortura e carcere. Qui troverete anche un video show, purtroppo solo in lingua francese, ma dalle immagini suggestive. Un consiglio, nei sotterranei fa freddo, quindi portate con voi qualcosa per coprirvi. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *