La bandiera del Libano

La bandiera del Libano è facilmente identificabile grazie alla presenza dell’immagine del cedro del Libano, non si può sbagliare!

Un albero sulla bandiera

Un albero bello e maestoso che un tempo copriva le montagne di gran parte del Vicino Oriente e che vanta anche l’onore di essere citato più volte nella Bibbia:

“Il giusto germoglia come la palma, s’innalza come il cedro del Libano”
(Salmi 92:13).

Il cedro, che simboleggia l’immortalità e la fermezza, campeggia su un’ampia banda bianca centrale, mentre il tronco poggia sulla banda rossa inferiore e la cima va a toccare quella superiore. Nella rappresentazione del cedro del Libano è utilizzato solo il colore verde, sia per la chioma che per il tronco. L’immagine dell’albero ha origine antiche, era presente già nella bandiera maronita del XVIII secolo era una semplice bandiera bianca con al centro il cedro. Durante il periodo del mandato francese la bandiera era il tricolore di Francia, ma nella banda bianca era sempre presente l’albero verde. 
Il cedro del libano è anche il simbolo del Paese. Un tempo erano molto diffusi e foreste di cedro ricoprivano gran parte del Paese.  Era una vera ricchezza. Il tronco dritto dava tavole perfette da essere sfruttate per la costruzione di edifici, navi e templi. Di questo si resero conto diverse civiltà (mesopotamici, fenici, egizi, greci, romani) che per secoli lo utilizzarono in abbondanza.

Bianco e rosso, il significato dei colori della bandiera del Libano
Anche i due colori delle bande hanno un significato preciso. Il rosso rappresenta il sangue dei martiri versato per il conseguimento della liberazione, il bianco la pace e la neve che copre le montagne del Libano. 

L’attuale bandiera è stata adottata il 7 dicembre 1943 e venne disegnata dai deputati del parlamento libanese, anche se già durante la prima guerra mondiale erano state aggiunte le due bande rosse sulla bandiera bianca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *