La miniera di mercurio di Abbadia San Salvatore

Nel cuore del Monte Amiata batteva un cuore di mercurio

Il Monte Amiata, che poi è un vulcano, con i suoi 1734 metri si impone sul paesaggio della Val d’Orcia, della Val di Chiana e segna il confine tra le province di Siena e di Grosseto. 

Non so voi, ma quando io penso all’Amiata la mente si riempie di ricordi, le discese con gli sci lungo le piste innevate, una zuppa di funghi e i tanti sapori dell’Amiata, i boschi, la croce sulla vetta, le risate degli amici e un bel boccale di birra.
E quando un luogo suscita ricordi ed emozioni è sempre un piacere ritornarvi. Ecco perché ho accettato senza pensarci due volte l’invito al blog tour #amiataTerreDiSiena… si, va bene, anche perché io in Terre di Siena torno sempre molto volentieri, ma negli ultimi anni era sempre mancata l’occasione di tornare sul Monte Amiata.

Abbadia San Salvatore

Alla miniera di Abbadia San Salvatore spazi da recuperare

Il piccolo minatore

Abbadia San Salvatore piccolo minatore

Paolo Contorni, una vita in miniera e tanti ricordi

Tutto potevo pensare, tranne che questa sarebbe stato in grado di regalarmi un’emozione ancora più forte, l’incontro con Paolo Contorni, un uomo che ha vissuto 36 anni nel cuore di questa montagna, lavorando nella miniera di mercurio, ormai dismessa, di Abbadia San Salvatore. 

Abbadia san salvatore

Tra i minatori il nonno di Paolo

 Anche se ha ormai superato gli 80 anni, tutti ancora lo conoscono come il piccolo minatore, già perché Paolo in questa miniera è entrato all’età di 13 anni. E’ arrivato accompagnato dal padre che lo ha affidato ad un minatore più anziano, poi insieme sono scesi in profondità ed è qui che quel lontano giorno ha ricevuto il “battesimo del minatore”. 

Prima di lui suo padre e prima ancora suo nonno, che in miniera ha lasciato la vita. Quando passate da queste parti fermatevi a fare una visita al museo della miniera, avere una guida come questa che vi racconta la vista dei minatori non ha prezzo. Perché narrandone la storia, l’emozione si rinnova in lui ogni giorno, per essere trasmessa ai visitatori.  

Non si può capire che cosa significhi la vita in miniera se non attraverso il racconto diretto, narrato da qualcuno che ci ha lavorato 36 anni, conoscendo la fatica e la paura. La paura del buio e del silenzio assoluti e quella di non rivedere la luce quando un incidente bloccava i minatori nelle viscere della terra.

Miniera abbadia san salvatore

I caschetti ad uso dei visitatori

Non serve essere esperti, in queste situazioni la paura di non farcela c’è, ma prevale la consapevolezza di essere l’unica persona in grado di infondere coraggio ai nuovi. Un’esperienza che Paolo ha fatto tre volte, una addirittura che lo ha visto bloccato per 24 giorni in galleria. 

Abbadia san salvatore

Il cinabro, l’oro rosso dell’Amiata

 Vita in miniera

miniera abbadia san salvatore

La vita di un minatore era legata alla sua medaglietta

Per capire se tutti i minatori fossero usciti dalla miniera si utilizzava un metodo tanto semplice quanto efficace: si spostava, da una bacheca all’altra, una medaglietta identificativa. Una persona aveva poi il compito di controllare che alla fine del turno la bacheca fosse vuota, in caso contrario partivano le ricerche, aiutate dal fatto che ad ogni minatore era affidato un settore ben preciso.
miniera

Per non dimenticare chi qui ha lavorato e chi è morto

La miniera era articolata su 16 livelli di scavo, ognuno dei quali posto a 25 metri di profondità dall’altro, ed è qui che, organizzati su tre turni, lavorano 1.300 minatori. C’era una paga base, ma il grosso della paga dipendeva dalla quantità di scavo effettuato.
Museo abbadia

Un vecchio carrello all’entrata del museo

Quella di Abbadia era una delle più importanti miniere d’Europa, per tre generazioni ha garantito l’economia del paese, senza contare l’indotto.

plastico miniera abbadia

Dal plastico un’idea della grandezza della miniera

Quando negli anni ’70 ne fu decisa la chiusura, la popolazione ha tentato ad opporsi, ma inutilmente: scavare per estrarre mercurio non era più conveniente.

Quella doveva essere la fine per la miniera di Abbadia San Salvatore, ma per preservarne la storia è stato realizzato questo museo. Nelle varie sale scopriamo gli strumenti utilizzati per l’estrazione, come veniva utilizzato il mercurio e come dal cinabro si rivavi il mercurio passando per il processo di sublimazione. 

miniera museo

Un modellino per la trasformazione da cinabro a mercurio

 Tra le scoperte fatte in questo museo forse la più sorprendente è stata quella constatare il reale peso del mercurio: altro che pesante come il piombo… si dovrebbe dire pesante come il mercurio!

Nelle viscere del Monte Amiata

miniera abbadia san salvatore

L’entrata della galleria VII

E visto che di miniera si tratta, la visita non poteva che concludersi in una gallerie dove, grazie a dei manichini, sono stati ricostruiti alcuni momenti di lavoro dei minatori per capire come questo sia cambiato nel corso di quasi un secolo. 

miniera

I minatori fine ‘800 lavoravano così

A fine ‘800 non esisteva una divisa e neppure norme anti-infortunistiche. 
I minatori andavano a lavorare con gli abiti di casa, poi sono arrivati i primi elmetti, le scarpe rinforzate e finalmente la luce a batteria posta sul casco. 

minera

La luce sul casco, una grande innovazione

Poi, prima di uscire, anche noi abbiamo provato per pochi minuti la sensazione del buio e del silenzio. Un’emozione forte, ma niente a che vedere con quella che tre generazioni di minatori hanno provato quotidianamente qui sotto.

miniera abbadia

… e quindi uscimmo a riveder  le stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *