Lo zoo di Berlino

L’ultima volta che sono stata a Berlino alloggiavo vicino allo zoo, ma non l’ho visitato,  era fine gennaio e faceva troppo freddo!

D’altra parte quando si sceglie di viaggiare puntando su un volo low-cost si coglie l’occasione del momento. Il biglietto costava poco e sono partita.

Pur non amando in modo i giardini zoologici mi è dispiaciuto. Avevo visitato lo zoo di Berlino durante il mio precedente viaggio e avrei avuto piacere di tornarci. 

Lo zoo di Berlino è il più antico dell’intera Germania. Nacque nel 1844, quando Federico Guglielmo IV lo fondò per ospitare gli animali appartenenti allo zoo della famiglia reale ed è ospitato in architetture orientaleggianti. 

Una visita allo zoo di Be
rlino è un’esperienza indimenticabile, anche per chi è abituato a visitare gli zoo, ma anche per chi, come me, non è molto favorevole a questo tipo di strutture.

Tigre

Oggi lo zoo di Berlino è quello che ospita il maggior numero di esemplari al mondo. Il mio ricordo, che risale a diversi anni fa, è di aver visto animali di cui neanche conoscevo l’esistenza. In particolare ricordo rane dai colori sorprendenti. Non verdi come siamo abitati a immaginarle, ma rosse, gialle, blu

meerkat

Veniva voglia di toccarle per accertarsi che fossero vere. Una prova però che poteva nascondere una brutta sorpresa: alcune di queste rane erano velenose. E questo è solo un esempio. Tra gli ospiti anche Bao Bao, un raro esemplare di panda gigante, dono della Cina. E ancora gorilla, oranghi, rinoceronti e kiwi. A proposito di oranghi però ho un brutto ricordo, lo sguardo da prigioniero di uno di loro mi fece piangere.

Scimmie

Straordinario anche l’acquario che si sviluppa su tre piani e offre habitat diversi. Si va dalla grande barriera corallina alla giungla amazzonica con i suoi coccodrilli.

Se decidete di visitare lo zoo di Berlino, ricordate di portare con voi una giacca anche in estate, vi tornerà utile quando visitare l’ambiente antartico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.