Mangiare ad Anzio, da Franco ai Quattro Venti

Sarà la crisi, sarà che ormai le vacanze al mare non si fanno più per due mesi, ma i ristoranti di Anzio negli ultimi tempi si sono adeguati all’offerta del menù fisso, che può essere un buon primo approccio per scoprire la cucina locale e mangiare bene ad Anzio spendendo poco.

Tra le tante proposte abbiamo provato quella della trattoria “I Quattro Venti – la vera cucina di Anzio” da Franco Giggione.

Mangiare pesce spendendo poco

A “I Quattro Venti” è possibile scegliere dal menù a la carta, ma anche a prezzo fisso, mangiando pesce di qualità con 16 o 20 euro

Menù fisso da 20 euro

Con il menù fisso da 20 euro vasta scelta tra antipasti, primi e secondi

Noi abbiamo mangiato:

  • antipasto misto, con alici marinate, totani di Anzio, fiori di zucca e gamberetti serviti in “conchiglie da portata” 
  • Spaghetti allo scoglio con vongole, cozze, telline e pachino (per me). Il tocco in più? Le telline ovviamente, perché ad Anzio il mare è pulito

Simonetta ha scelto invece gnocchi alla spigola

  • orata. Oggi il menù per secondo propone una scelta è tra due alternative: orata in crosta di patate o alla cacciatora.

Menù fisso da 16 euro

Volendo c’è anche un menù fisso da 16 euro che prevede un antipasto, un primo e una frittura.

Le bevande, in entrambi i casi, non sono comprese,  ma l’offerta di vini propone una vasta scelta di etichette.

Menù alla carta

Il ristorante oltre al menu a prezzo fisso offre una vasta scelta alla carta che comprende anche una ricca varietà di crudi. A proposito, se volete provare i crudi, sempre meglio prenotare prima.

Sempre pronto a dispensare consigli graditissimi, Felice – il cameriere storico del locale – ci spiega che per conoscere bene la vera cucina del ristorante bisognerebbe assaggiare le due specialità della casa: gli scampi alla bambaciona (con ripieno di mozzarella, provola, pachino e pecorino) e l’orata ai quattro venti (aperta, fritta e condita con sugo di frutti di mare).

Due piatti originali che consentono di scoprire le peculiarità della vera cucina di Anzio: semplice, ma con accostamenti allo stesso tempo elaborati.

Non solo cibo, qui contano anche le persone

Il cameriere storico è Felice ed è veramente il caso di dire nomen omen (il destino nel nome) perché è sempre allegro e di buon umore. 

Un sorriso doppio che dice tutto, quello di Simonetta, la titolare del blog con il cameriere Felice.

Da vero siciliano di Agrigento mette sempre tutti a proprio agio ed ha una gran passione per il suo lavoro, sempre pronto a dare il consiglio giusto nella scelta del menu.  Riesce a farsi capire anche dai russi, ma con un piccolo trucco! “Sottobanco” infatti ha una vasta scelta di menù in tutte le lingue.


Il proprietario, Franco detto Giggione,  da anziate doc conosce bene il pesce, ha una lunga esperienza nella ristorazione e ci tiene ad offrire sempre il meglio ai suoi clienti.

Per digerire l’abbondanza delle portate, consigliamo una passeggiata sul lungomare per ammirare il panorama che offre, sempre colori diversi, con i caratteristici pescherecci ancorati al porto in contrasto con le più moderne imbarcazioni.

Dove si trova il Ristorante I Quattro Venti

Il ristorante si trova in via Porto Neroniano, nella via più antica di Anzio, al civico 36. Sempre aperto, sia a pranzo che a cena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.