Mauritius, 50 anni fa l’indipendenza

 

E’ tanto che sogno un viaggio a Mauritius, un paradiso tropicale che offre al visitatore non solo spiagge incontaminate e mare cristallino, ma anche una flora rigogliosa e luoghi di interesse culturale. 

Questo potrebbe essere l’anno di Mauritius, è una delle mete a cui sto pensando per la prossima estate. 


Peccato però, perché sarebbe bello riuscire a partire il mese prossimo, quando Mauritius celebra i suoi primi 50 anni di indipendenza dalla Gran Bretagna. Era infatti il 12 marzo 1968 quando raggiunse questo importante traguardo storico. Ed è anche in considerazione di questo importante anniversario che Lonely Planet ha inserito Mauritius nella lista dei 10 Paesi Best in Travel 2018

spiaggia


Il Paese è giustamente molto orgoglioso della sua indipendenza e considera questi festeggiamenti come il momento per dimostrarlo. Per i visitatori questa  ricorrenza rappresenta anche l’occasione non solo per vivere un’indimenticabile vacanza balneare, ma anche il modo migliore per scoprire la vera anima dell’isola scoprendone la storia e le tradizioni locali.

Cap Malheureux

 

Un viaggio a Mauritius è sempre una buona idea, ma quella che si presenta sembra un’occasione davvero particolare. Il momento migliore per entrare nel pieno dello spirito mauriziano partecipando ai tanti eventi in programma tra spettacoli di intrattenimento, show pirotecnici e molto altro.

In realtà si tratta di un doppio anniversario, perché Mauritius celebra anche il 26° anniversario della nascita della Repubblica Mauriziana.

Per l’occasione a Mauritius stanno preparando un calendario di eventi e manifestazioni per la settimana 8-12 marzo. 

Isola dei Cervi

 

La capitale Port Louis

 

Port Louis è il posto migliore per scoprire la storia mauriziana. Qui infatti trovate:
  • Aapravasi Ghat (Patrimonio UNESCO), un complesso di edifici in cui venivano accolti gli operai che venivano qui dall’India per lavorare nelle piantagioni; 
  • Blue Penny Museum non solo per gli appassionati di filatelia, la sua importante collezione filatelica, ospita anche due famosi francobolli Post Office del 1847, da uno o due penny, tra quelli di maggior valore al mondo; 
  • Fort Adelaide, si tratta di una importante fortezza – patrimonio del National Heritage Fund. Delle quattro fortezze britanniche di Port Louis, questa è l’unica ancora accessibile e in buone condizioni. Da non perdere anche per la vista panoramica  sul centro e sul porto.

 

Dodo uccello

 

  • Museo di Storia Naturale offre un aspetto naturalistico della storia dell’isola. Qui infatti è esposta la riproduzione del dodo, l’uccello simbolo dell’isola che si estinse alla fine del XVII secolo.
 
shopping mauritius

Per gli amanti dello shopping da non perdere il mercato centrale e il Caudan Waterfront.


Non poteva che essere Porto Louis ad ospitare il cuore dei festeggiamenti sarà . Qui,  lunedì 12 marzo, anniversario dell’indipendenza di Mauritius, si terrà la cerimonia ufficiale della Giornata Nazionale di Mauritius.

ninfee


Appuntamento dalle ore 18 al Champ de Mars, circuito ippico che accoglie il Mauritius Turf Club, il più antico club di equitazione dell’emisfero australe e il secondo più antico del mondo. A seguire lo spettacolo Spectacle Populaire che vedrà oltre 400 artisti impegnati in performance coreografiche per celebrare il patriottismo e il nazionalismo del Paese, e legato a queste tematiche verrà anche presentata una moderna rivisitazione dell’inno nazionale.

Mauritius

 

Mahebourg

La costa sud-orientale di Mauritius, in particolare a Mahebourg, domenica 11 marzo è in programma un’avvincente regata, un evento molto adeguato allo spirito nautico di questa località che, oltre ad ospitare splendidi panorami naturali, è la sede del Museo di Storia Nazionale e del Museo Navale. Ed è qui che è conservato il celebre relitto della nave Saint Géran, legata alle tradizioni e leggende dell’isola.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *