Mostre a Roma a gennaio

Prima di dirvi quali sono le mostre in programma a Roma a questo mese, vi ricordo che per accedere è obbligatorio essere in possesso del Green Pass e indossare la mascherina.

Ed ecco allora le principali mostre in programma a Roma per il mese di gennaio:

Balloon Museum

Let’s Fly

Il 7 dicembre apre al PratiBus District il Balloon Museum. Si tratta del primo museo al mondo composto interamente da balloon & inflatable art, dalla stessa data è aperta al pubblico anche la mostra Let’s Fly nella quale sono esposte le opere realizzate dai più grandi artisti dello stile Pop.

Biglietti:

Dal lunedì al venerdì

  • Bambino fino agli 8 anni: € 6 + € 1,00 prev.
  • Intero € 13,00 + € 1,00 prev.
  • Ridotto € 12,00 + € 1,00 prev.

Sabato e domenica

  • Bambino fino agli 8 anni: € 8 + € 1,00 prev.
  • Intero € 15,00 + € 1,00 prev.
  • Ridotto € 14 + € 1,00 prev.
  • Gratuito per i bambini fino a 3 anni

Orari:

  • dal lunedì al venerdì € 15,00 (prezzo ridotto a 13 euro nella fascia oraria 13.15 – 15)
  • Sabato e domenica € 18,00
  • bambini gratuito fino a 4 anni; dai 5 ai 10 anni 10 €

La mostra è visitabile tutti i giorni con orario 16 – 22 dal lunedì al venerdì e 10-22 il sabato e la domenica

La mostra è visitabile fino al 5 marzo 2022

  • PratiBus District Viale Angelico, 52

Gallerie Nazionali di Arte Antica – Palazzo Barberini 

Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta

La mostra Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento allestita a Palazzo Barberini vuole essere un modo per rendere omaggio ai settant’anni dalla sua riscoperta dell’opera di CaravaggioGiuditta e Oloferne e, al tempo stesso, ai cinquanta della sua acquisizione da parte dello Stato Italiano.

Il percorso espositivo, a cura di Maria Cristina Terzaghi, è articolato in quattro sezioni e si compone di 29 opere d’arte  provenienti dai musei di tutto il mondo, che documentano la dirompente novità della rivoluzione caravaggesca nella pittura a lui contemporanea. Tra i capolavori in mostra anche , la Giuditta e Oloferne di Artemisia Gentileschi del Museo di Capodimonte a Napoli

La mostra è visitabile, fino al 27 marzo, dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17.00) chiuso lunedì, 25 dicembre, 1° gennaio. Nei fine settimana e nei giorni festivi è richiesta la prenotazione obbligatoria

Giuseppe Loy. Una certa Italia. Fotografie 1959-1981

Palazzo Barberini ospita, fino al 27 febbraio anche la mostra Giuseppe Loy. Una certa Italia. Fotografie 1959-1981 che raccoglie raccoglie e riordina gli “appunti visivi” con cui Giuseppe Loy, fotografo per passione, raccontava la società dell’epoca senza cedere al fascino della spettacolarizzazione, il suo impegno politico, la sua vita privata. Dal suo archivio sono state selezionate 135 immagini originali che sono state affiancate da documenti, poesie, epigrammi, scatti familiari. Una mostra dalla quale emerge uno spaccato di Italia.

  • Palazzo Barberini – Via delle Quattro Fontane, 13a

Galleria Corsini

Una rivoluzione silenziosa. Plautilla Bricci pittrice e architettrice

Fino al 19 aprile le sale della Galleria Corsini ospitano anche la mostra Una rivoluzione silenziosa. Plautilla Bricci pittrice e architettrice, la prima personale dedicata alla pittrice e architetta seicentesca Plautilla Bricci

La mostra riunisce per la prima volta l’intera produzione grafica e pittorica dell’artista, presentando un Ritratto di architettrice (probabile effigie della Bricci), accanto a capolavori anch’essi inediti o poco conosciuti dei maestri a lei più vicini.

La mostra è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17.00) chiuso lunedì, 25 dicembre, 1° gennaio. Nei fine settimana e nei giorni festivi è richiesta la prenotazione obbligatoria

  • Galleria Corsini – Via della Lungara, 10

Scuderie del Quirinale

Inferno di Dante 

Nel 700 esimo anniversario della morte di Dante anche le Scuderie del Quirinale gli dedicano una mostra che rappresenta un evento molto importante. Si tratta della prima volta che viene organizzata una mostra attorno al tema dell’inferno dantesco. In mostra 200 opere attraverso le quali si snoderà il racconto della presenza nell’iconografia e nel pensiero del concetto di inferno e dannazione dal Medioevo ai nostri giorni. Il tutto, ovviamente, accompagnato dai versi del poeta che, come fece con lui Virgilio, accompagnerà i visitatori attraverseranno nell’Inferno, o meglio attraverso la rappresentazione che ne hanno fatto artisti di tutte le epoche.

La mostra è visitabile fino al 9 gennaio 2022

Chiostro del Bramante

All about Banksy

Mostre a Roma: Banksy

Fino al 9 gennaio 2022 il Chiostro del Bramante ospita la mostra All About Banksy: Exhibition 2, dedicata allo street artist inglese. In mostra 250 opere provenienti da collezioni private, un’occasione per conoscere meglio questo artista al tempo stesso noto e sconosciuto. La mostra infatti propone quello che è stato definito un approfondimento enciclopedico del suo lavoro, grazie a tutta una serie di documenti che vanno da fotografie fino a reportage e video.

La mostra segue quella dello scorso anno, Banksy A Visual Protest, che nonostante le chiusure legati alla pandemia ha avuto un discreto numero di visitatori.

Per accedere alla mostra si consiglia di acquistare il biglietto preventivamente on line. Il Chiostro del Bramante si riserva di verificare l’autenticità delle certificazioni, in caso di mancata idoneità l’accesso alla mostra non sarà consentito e i biglietti non saranno rimborsati.

Biglietti:

  • dal lunedì al venerdì € 15,00 (prezzo ridotto a 13 euro nella fascia oraria 13.15 – 15)
  • Sabato e domenica € 18,00
  • bambini gratuito fino a 4 anni; dai 5 ai 10 anni 10 €

La mostra è visitabile tutti i giorni con orario 10 – 21

  • Chiostro del Bramante – Arco della Pace 5

Centrale Montemartini

Colori dei Romani

Il Museo Centrale Montemartini ospita, fino al 15 giugno, la mostra Colori dei Romani – I mosaici capolavori delle collezioni capitoline che raccoglie un’ampia selezione di opere ancora poco conosciuti al grande pubblico. Non solo mosaici, ma anche affreschi e le sculture che costituivano l’arredo degli edifici di provenienza dei mosaici. Il risultato è quello di offrire  al pubblico uno spaccato della società romana in un ampio periodo compreso tra il I secolo a.C. e il IV d.C.

La mostra è visitabile dal martedì alla domenica con orario 9-19

Il costo dei biglietti è di 9 euro per l’intero e 8 per il ridotto, un euro in più per i non residenti a Roma. Ingresso gratuito invece per i possessori della Mic Card

  • Museo Centrale Montemartini, via Ostiense 106

Galleria Borghese

Balliamo? Guido Reni a Roma. Danza e Paesaggio

Fino al 25 febbraio la Galleria Borghese ospita la mostra dossier dedicata al dipinto Danza campestre di Guido Reni, recentemente tornata a far parte della collezione del cardinale Scipione Borghese

La mostra e il museo sono visitabili dal martedì alla domenica con orario 9 – 19

Biglietti 13 euro interi e 2 ridotti

  • Galleria Borghese – Piazza del Museo Borghese

Museo dell’Ara Pacis

Alberto Biasi. Tuffo nell’arcobaleno

Fino al 20 febbraio il Museo dell’Ara Pacis ospita la mostra Alberto Biasi. Tuffo nell’arcobaleno dedicata uno dei più importanti artisti ottico-cinetici europei, nonchè tra i protagonisti di maggiore spicco dell’arte del Secondo Dopoguerra in Italia. In mostra 60 opere e i quattro ambienti-installazioni che vanno dal 1959 al 2014.

L’esposizione è divisa in sei sezioni che corrispondono alle differenti tipologie di opere dell’artista e che raccontano la sua ricerca concettuale, partendo anche dai lavori del periodo precedente il Gruppo N che determinano le successive espressioni di arte cinetica o di arte programmata basandosi su fenomeni ottici e luminosi.

La mostra è visibile tutti i giorni con orario 9.30-19.30

Il costo dei biglietti è di 12 euro per l’intero e 10 per il ridotto, un euro in più per i non residenti a Roma.

  • Museo dell’Ara Pacis – Lungotevere in Augusta

Museo di Roma

Klimt. La Secessione e l’Italia

Klim a roma, una delle mostre di ottobre

Il Museo di Roma di Palazzo Braschi ospita la mostra Klimt. La Secessione e l’Italia

In mostra oltre 200 opere, tra dipinti, disegni, schizzi e manifesti. Oltre ai lavori di Klimt il pubblico potrà ammirare anche una selezione di dipinti e sculture di altri artisti, in linea con il racconto del periodo della Secessione viennese e dell’influsso di Klimt in Italia

La mostra è articolata in 14 sezioni che toccano anche il periodo in cui Klimt ha soggiornato in Italia.

La mostra è visitabile fino al 27 marzo

Biglietti: Il costo del biglietto è di 13 euro per gli interi e 11 per i ridotti, biglietto valido per la sola mostra. C’è poi un biglietto famiglie da 22 euro, valido per 2 adulti + bambini sotto i 18 anni.
Questa mostra non rientra nel programma delle gratuità della prima domenica del mese.
I biglietti possono già essere acquistati in prevendita

Segni

Fino al 13 marzo il Museo di Palazzo Braschi ospita anche la mostra fotografica Segni, che racconta la violenza contro le donne, in tutte le forme in cui può manifestarsi, siano esse fisiche, mentali o ideologiche. L’ingresso è gratuito .

  • Museo di Roma, Palazzo Braschi – Piazza San Pantaleo, 10

Casino dei Principi a Villa Torlonia

Piero Raspi. Dalla luce al colore. Dipinti 1955-2005

Al Casino dei Principi di Villa Torlonia fino al 9 gennaio è possibile visitare la mostra Piero Raspi. Dalla luce al colore. Dipinti 1955-2005.

 Piero Raspi è uno dei maggiori esponenti del periodo informale italiano. La mostra ripercorre l’evoluzione artistica del pittore spoletino (nato nel 1926) dalla metà degli anni Cinquanta alla metà degli anni Duemila

La mostra è visitabile dal martedì alla domenica con orario 9-19. Biglietti 10 euro intero e 8 ridotto, un euro in più per i non residenti

  • Casino dei Principi – Villa Torlonia, via Nomentana 70

MAXXI

Sebastião Salgado, Amazônia”

A Roma in mostra il mondo di Sebastião Salgado con la mostra “Sebastião Salgado, Amazônia” allestita fino a 13 febbraio al MAXXI, il Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo

Si tratta di una importante anteprima che vede oltre 200 scatti che raccontano l’universo della foresta amazzonica brasiliana. Particolarità di questa esposizione è il fatto che le immagini di Salgado vengano affiancate dai suoni della foresta. Una mostra che, inevitabilmente attrae l’attenzione sulla fragilità di questo importantissimo ecosistema. Un modo anche fermarsi a pensare per riflettere sulla situazione ecologica e la relazione che gli uomini hanno con essa.

Se amate la natura e la fotografia, questa è una di quelle mostre che sono davvero imperdibili, Roma poi rappresenta l’unica data italiana

La mostra è visitabile fino al 13 febbraio 2022

Buone Nuove – donne in architettura

Un percorso espositivo che racconta l’architettura al femminile dal Novecento a oggi, dalle pioniere come Eileen Grey, Charlotte Perriand e Lina Bo Bardi alle archistar come Zaha Hadid, Elisabeth Diller e Kazuyo SeJima, da Cini Boeri e Gae Aulenti alle emergenti Francesca Torzo e Lucy Styles, già presenti nella collezione del MAXXI Architettura. La mostra utilizza anche una a serie di video-interviste. La mostra è visitabile fino all’11 settembre 2022 dal martedì alla domenica con orario  11 – 19. Sabato e domenica orario prolungato fino alle 22 

  • MAXXI via Guido Reni 4/a

Istituto Centrale per la Grafica – Gabinetto disegni e stampe e Calcografia

Di mano di Jacopo da Puntorme

L’Istituto Centrale per la Grafica ospita, fino al 20 marzo, la mostra” Di mano di Jacopo da Puntorme” che propone al pubblico una cinquantina di disegni, originali e facsimili, di Jacopo Carucci, detto Pontormo.

Un artista rivoluzionario, inquieto e tormentato, che si misurò con i giganti dell’arte del Rinascimento e che fu in grado di suscitare l’ammirazione anche di Raffaello e Michelangelo.

La mostra è visitabile fino al 20 marzo tutti i giorni, dal martedì alla domenica con orario 10 – 18. Gli ingressi sono contingentati e consentono l’ingresso fino ad un  massimo 10 persone per volta.

  • Istituto Centrale per la Grafica – via della Stamperia 6

Musei Capitolini

I Marmi Torlonia. Collezionare Capolavori”

Ai Musei Capitolini Sono esposte 92 opere greco-romane selezionate tra i marmi della più prestigiosa collezione di arte greco-romana privata al mondo. Le opere esposte appartengono ai diversi nuclei collezionistici che fanno parte della collezione Torlonia fin dagli inizi del 1800, e compongono un viaggio attraverso la storia del collezionismo e delle pratiche di restauro dei marmi antichi, greci e romani.

La mostra è visitabile fino al 27 febbraio 2022

  • Musei Capitolini, Piazza del Campidoglio

Parco archeologico del Colosseo

Domus Aurea

Raffaello e la Domus Aurea. L’invenzione delle grottesche”

Un’esposizione programmata per rendere omaggio al grande artista Raffaello Sanzio nell’anno della celebrazione dei 500 anni dalla sua morte, e per illustrare la storia della riscoperta dei bellissimi affreschi originali della residenza di Nerone. Per l’occasione è stato inaugurato un nuovo ingresso alla Domus Aurea e una passerella pedonale di accesso che conduce dal Parco del colle Oppio fino alla Sala Ottagona.

Visitabile fino al 7 gennaio 2022.

  • Via della Domus Aurea, 1

Giacomo Boni. L’alba della modernità

Il Parco del Colosseo dedica una mostra diffusa all’archeologo Giacomo Boni e lo fa nei luoghi in cui principalmente operò: il Foro Romano e il Palatino. L’esposizione si articola in quattro sezioni e altrettanti spazi: il Tempio di Romolo, il Complesso di Santa Maria Nova, Santa Maria Antiqua e le Uccelliere Farnesiane.

La mostra è visitabile fino al 30 aprile dalle 9 alle 16.30

Museo di Roma in Trastevere

Prima, donna. Margaret Bourke-White” 

Il Museo di Roma in Trastevere ospita la mostra “Prima, donna. Margaret Bourke-White”, dedicata a una delle le figure più rappresentative ed emblematiche del fotogiornalismo. .

La mostra racconta, attraverso oltre 100 immagini, provenienti dall’archivio Life di New York, la visione e la vita controcorrente. Pioniera, ha esplorato ogni aspetto della fotografia: grandi reportage per le testate più importanti come Fortune e Life, cronache visive del secondo conflitto mondiale, celebri ritratti di Stalin e Gandhi, il Sud Africa dell’apartheid, l’America dei conflitti razziali. La mostra è organizzata secondo 11 percorsi tematici

La mostra è visitabile fino al 27 febbraio 2022.

Orario: dal martedì alla domenica ore 10.00-20.00

Biglietti: Intero 9,50, ridotto € 8,50. Per i residenti nel Comune di Roma Intero € 8,50 e ridotto € 7,50 

Labirinti InTrastevere

Il Museo di Trastevere ospita fino al 13 marzo la mostra fotografica “Labirinti InTrastevere” promossa dall’Accademia di Belle Arti RUFA per festeggiare il decennale della scuola di fotografia e lo fa proponendo una sorta di percorso esperienziale all’interno del XIII Rione di Roma

  • Museo di Trastevere – Piazza di S. Egidio, 1/b

Mostre gratuite a Roma

Per altre mostre gratuite vi rimando alla rubrica Cosa fare gratis a Roma questa settimana dove troverete un’ampia panoramica di quello che può essere fatto in città, mostre comprese, senza dovere spendere neppure un euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *