Pasqua in Israele

Israele in occasione delle festività pasquali vive dei momenti particolarmente intensi e significativi che in passato hanno portato un gran numero di turisti a visitare i luoghi Santi e in particolare la città di Gerusalemme. In questo momento storico il turismo non si è fermato ma comunque ha avuto un rallentamento, questo però non ha certo fermato i tradizionali eventi della Pasqua in Israele.

Nazareth Crediti IMOT

Per il periodo delle festività pasquali – ha spiegato Kalanit Goren, direttrice dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo – sono registrati circa 140 gruppi, secondo il CICS, Christian Information Center di Gerusalemme. Pur tenendo conto che molti sono gruppi di realtà locali, dall’inizio di marzo continuano a crescere i gruppi che arrivano nel nostro Paese per moviti di spiritualità, provenienti principalmente da Stati Uniti, Indonesia e Italia“.

Un esempio è il viaggio organizzato dall’operatore Passengers Viaggi di Milano e fortemente caldeggiato da Monsignor Pier Francesco Fumagalli, dottore dell’Ambrosiana di Milano, straordinario esperto di lingua e cultura ebraica, che ha condotto 18 membri dell’Associazione Italia Israele di Milano in un viaggio di solidarietà e spiritualità, dal nord al sud del Paese, con anche significativi incontri.

Dal 3 al 7 marzo scorso il gruppo si è recato in luoghi tradizionali, come Tel Aviv e Gerusalemme, dove ha visitato anche la Nuova sede della Biblioteca Nazionale, ma ha anche voluto dare una forte testimonianza di solidarietà, piantando un albero presso il luogo della tragedia del Festival Nova, Re’im.

Seguendo la programmazione di un più tradizionale pellegrinaggio, dal 18 al 21 marzo scorso si è svolto anche il viaggio promosso dalla FONDAZIONE AMBROSIANEUM di Milano – e organizzato da GEAWAY Tour Operator – Esperienza toccante e significativa, con momenti di grande commozione.

Tra gli altri gruppi italiani in viaggio in Israele in questo periodo anche quelli organizzati dalla MIRTOUR di Genova e l ‘ODPT, Opera Diocesana Pellegrinaggi Torino, che sono stati tra i primi ad organizzare pellegrinaggi in Israele nel 2024. 

Altro viaggio, partito proprio oggi è quello dell’Opera Romana Pellegrinaggi che ha scelto proprio la Settimana Santa per un tour di 5 giorni verso i luoghi santi guidati di Don Giovanni Biallo, assistente spirituale ORP.

Viaggiatori, fedeli e pellegrini che al loro arrivo a Gerusalemme hanno l’opportunità di vivere le celebrazioni della Settimana Santa che precedono la Pasqua.

Infatti “A Gerusalemme e in tutta Israele si sono voluti rinnovare, come ogni anno – ha dichiarato Kalanit Goren, – gli appuntamenti più importanti per offrire ai pellegrini e ai turisti la possibilità di vivere questa straordinaria esperienza

Getsemani – Crediti IMOT

Un’esperienza quella della Pasqua che può essere vissuta direttamente anche da chi non è presente in Israele grazie ad alcune dirette visibili, sul sito del Christian Media Center, dove è attivo un collegamento al canale Youtube, e attraverso la sua pagina Facebook, che permette anche di seguire alcuni eventi non solo in diretta, ma anche in differita. Un esempio per tutti la Messa con il Canto della Passione del Mercoledì Santo, la cui registrazione è presente per dare la possibilità a tutti di prendere parte a questo toccante momento pervaso da un’intensa spiritualità.

Domenica delle Palme – Crediti IMOT

E così la Settimana Santa, dopo la solennità della domenica delle Palme, arriva da Gerusalemme nelle case dei fedeli di tutto il mondo che possono così seguire in diretta alcune delle più importanti celebrazioni, ufficiali direttamente nei luoghi simbolo della cristianità, e vivere in questo modo il profondo significato della Pasqua.

Il calendario delle dirette rientra nel vasto programma di celebrazioni in più lingue, che, tra gli altri, si terranno a Gerusalemme al Monastero dei Frati Cappuccini, all’Abbazia della Dormizione, alla Basilica dell’Ecce Homo, a San Pietro in Gallicantu, alla Chiesa di Sant’Anna, alla Basilica di Santo Stefano e alla Chiesa di San Tommaso e a Nazareth presso la Cattedrale di Nostra Signora dell’Annunciazione.

Per ogni diretta realizzato anche il libretto di ogni singola celebrazione che può essere consultato cliccando sul link attivo nella pagina.

Questo è il programma delle prossime dirette (orari fuso orario di Roma):

  • 28 marzo, Giovedì Santo dalle 22.00 alle 24.00 diretta dell’Ora Santa del Getsemani, presieduta dal Custode di Terra Santa, Fr. Francesco Patton, o.f.m. nella Basilica dell’Agonia.
  • 30 marzo, Sabato Santo dalle 8.30 alle 11.00 all’interno del Santo Sepolcro di Gerusalemme è in programma la Veglia pasquale presieduta dal Cardinale Pierbattista Pizzaballa, o.f.m, patriarca di Gerusalemme dei Latini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *