Ricetta Gnocchetti in Frasca

Con la ricetta degli in Gnocchetti in Frasca prosegue la collaborazione con la Camera di Commercio Rieti Viterbo e le lezioni di cucina tradizionale del Lazio. Questa volta lasciamo la Tuscia e ci spostiamo nel reatino con una ricetta tipica di Cittaducale.

Ricetta gnocchetti in frasca

Gli gnocchetti in frasca

Quella degli gnocchetti in frasca è una ricetta che dà il benvenuto all’autunno, in quanto coincide con la raccolta dei fagioli e con la macinatura del mais. Il nome gnocchetti in frasca deriva proprio dal fatto che per la loro realizzazione si utilizza un mix di farina di grano e di mais.

Ingredienti

ingredienti per la Ricetta gnocchetti in frasca
  • 400 g di farina 00
  • 200 g di farina di mais
  • 400 g di fagioli borlotti
  • 400 g di salsa di pomodoro
  • 2 fette di guanciale
  • olio d’oliva q.b.

Preparazione degli gnocchetti in frasca

Questa ricetta è abbastanza facile da preparare, però possiamo dire che è divisa in più fasi che, volendo, possono essere fatte anche in momenti diversi. Sta a voi organizzarvi come preferite. Io ad esempio ho cotto i fagioli la mattina prima della cooking class serale, mentre il resto l’ho fatto in diretta. Anche se pensare contemporaneamente sia agli gnocchetti sia al condimento è un po’ impiccioso. Però ci sono comunque riuscita senza problemi. La prossima volta penso che preparerò il condimento prima di mettere le mani in pasta.

Cottura dei fagioli

fagioli borlotti

La prima cosa da fare è quella di pensare ai fagioli che vanno messi a bagno la sera prima per poi essere lessati prima di iniziare. Così come abbiamo visto per la ricetta della zuppa di ceci e castagne non va messo il sale per non farli indurire. I fagioli devono risultare ben cotti.

Preparazione del condimento

Per il condimento la prima cosa da fare è quella di affettare due fette di guanciale e tagliarle a listarelle (o a dadini), per poi farle soffriggere, a fuoco vivace, con poco olio, perché sarà poi il guanciale a rilasciare il suo grasso. Il guanciale non deve diventare croccante, ma risultare solo dorato.

Ricetta per il condimento degli gnocchetti in frasca

A questo punto uniamo il pomodoro al guanciale un po’ si sale. Aggiungete poi anche i fagioli

Il condimento non deve addensarsi, quindi aggiungete anche dell’acqua, perché alla fine il risultato sarà molto simile ad una zuppa.

Preparazione degli gnocchetti

Sulla spianatoia unite le due farine (400 di grano tenero e 200 di mais) che andrete poi ad impastare con dell’acqua tiepida, che aiuta a legare meglio le due farine.

gnoccchetti

L’acqua va aggiunta piano piano, ci si regola vedendo quello che prendono le farine. La pasta deve risultare piuttosto morbida. Con l’impasto realizzate poi dei serpentelli dello spessore di circa un dito dai quali, con un coltello, andrete a ricavare gli gnocchetti. Per andare più veloci potete affiancare tre serpentelli di pasta e, con un coltello, lungo tagliare gli gnocchetti a tre a tre.

Cottura degli gnocchetti

cottura

Ora avrete da una parte gli gnocchetti pronti per essere lessati e dall’altra il condimento a base di fagioli. Gli gnocchetti vanno cotti, tutti insieme, in una pentola di acqua bollente salata. Quindi regolatevi per la pentola da utilizzare che deve essere piuttosto grande.

Quando gli gnocchetti vengono a galla sono pronti.

Attenzione: una volta cotti non vanno scolati, va solamente tolta un po’ di acqua di cottura. La particolarità è che gli gnocchetti non vanno messi il condimento, ma al contrario è il condimento che va versato nella stessa acqua di bollitura degli gnocchetti, che devono restare nella pentola. Il tutto va fatto a fuoco spento.

gnocchetti in frasca una ricetta autunnale

Completata questa operazione potete impiattare e completare con un filo di olio d’oliva che gli dà quel tocco finale che fa la differenza.

Consigli utili

  • Se la minestra avanza, niente paura, mangiati il giorno dopo sono ancora più buoni
  • Gli gnocchetti possono essere congelati. Vanno prima sbollentati, poi si passano in acqua fredda, si aggiunge un goccino di olio e si lasciano freddare. Poi si congelano

Varianti

Per questa ricetta abbiamo utilizzato i fagioli, ma a dire il vero è possibile sostituire i fagioli anche con altri legumi, che sia ceci, fagioli o lenticchie non importa, va bene qualunque tipo di legume.

Altra variante è quella vegetariana, anzi vegana: basta togliere il guanciale.

Per una versione senza glutine basta sostituire la farina di grano con una mix di farina di riso e amido di mais.

Prodotti tipici del territorio

Per la realizzazione di questo piatto la Camera di Commercio di Rieti-Viterbo mi ha fatto avere:

  • le due farina, provenienti dalla Valle Santa, del Molino Santa Susanna che deve il suo nome al fatto di essere proprio sulla sorgente di Santa Susanna, una fonte d’acqua conosciuta fin dai tempi degli antichi romani. Non solo ne parla Cicerone, che la chiamò “Le settime acque”, ma pare che fu Pipino il Breve che volle far costruire un mulino qui. Non sappiamo se l’attuale mulino è lo stesso, ma sappiamo che il canale di derivazione fu costruito dai suoi soldati.
  • I fagioli borlotti, provengono dalla produzione biologica dell’azienda agricola “Il Sambuco” di Leonessa da Leonessa
  • Il guanciale amatriciano, che è una è una specialità dei comuni di Amatrice e Accumoli (RI) e del comune di Campotosto (AQ) si ricava, come dice il nome, dalla guancia del maiale. É  un prodotti agroalimentari tradizionali della Regione Lazio e della Regione Abruzzo (questo perché fino al 1927 la zona era tutta provincia dell’Aquila). Il guanciale amatriciano ha inoltre ottenuto dal Comune di Amatrice il marchio De.Co. Ora che vi ho detto questo non chiederete più se la pasta all’amatriciana si fa con pancetta o guanciale!
  • Tocco finale al piatto lo dà l’olio d’oliva. L’olio d’oliva in Sabina vanta una tradizione secolare. Per questa ricetta abbiamo usato l’olio biologico dell’azienda Capo Farfa di Poggio San Lorenzo. Parlando di olio della Sabina vi segnalo che a Castelnuovo di Farfa (siamo ad una quarantina di Km da Cittaducale) gli hanno dedicato addirittura un museo

E dopo la ricetta degli gnocchetti in frasca questa sera restiamo nel reatino per prepareremo in diretta Facebook le lasagnette all’amatriciana. Vi aspetto! Poi la ricetta la trovate qui martedì prossimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *