Sicurezza in Nepal

In molti mi chiedono se viaggiare in Nepal sia sicuro o meno.
 
La risposta si trova nel sito della “Viaggiare Sicuri” Farnesina dove si legge che dopo le gravi tensioni interne dell’aprile 2006 (manifestazioni, scioperi generali, scontri tra dimostranti e polizia), è  stato ripristinato il Parlamento e nominato un nuovo Governo.
Il Re ha di fatto ceduto il potere ai partiti democratici, ma la situazione di sicurezza in Nepal rimane tuttora precaria, in ogni caso la valle di Kathmandu, meta del nostro viaggio, è considerata relativamente sicura. La cosa importante è quella di evitare comportamenti rischiosi, come ad esempio viaggi individuali fuori dai percorsi turistici oppure di evitare di andare in giro nelle ore notturne per le vie di Kathmandù o nel suo centro commerciale.
 
Noi ci muoveremo con una guida locale e il nostro corrispondente sul posto ci consiglierà sull’itinerario. Quindi possiamo stare tranquilli.
La Farnesina consiglia anche di fare attenzione alla criminalità comune, ma per il rischio borseggio non serve arrivare in Nepal, accade molto più di frequente nella metropolitana romana!

3 thoughts on “Sicurezza in Nepal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *