Siena Jazz, la musica qui è di casa

 


Siena JazzQuando si parla di musica a Siena non si può non nominare la Fondazione Siena Jazz, che in città si occupa di cultura musicale dal 1977, quando nacque come semplice associazione culturale. E’ una Fondazione dal 2005 e nel 2012 il Ministero dell’Università le ha riconosciuto lo status di
“Libera Università del Jazz”, la prima del genere in
Italia.

Perché oggi vi parlo di Siena Jazz?

Perché come sapete in questi giorni abbiamo partecipato all’evento Sette note in sette notti, che l’assessorato alle Politiche per il Turismo ha organizzato proprio in collaborazione la Fondazione Siena Jazz.
Siena Jazz
Il fondatore, presidente e direttore artistico Franco Caroni ci fa da guida nella sede della fondazione, una realtà didattica di ricerca e di produzione che non ha eguali in Italia e che compete sul piano internazionale con professionalità ed entusiasmo. 
Insomma, uno studenti che frequenta i suoi corsi può uscirne con un vero tito

 Siena Jazz

Giovanni Falzone a Siena Jazz

lo accademico equiparato a quello dei conservatori e delle Università. 

Dieci i corsi ai quali poter iscriversi (pianoforte jazz, chitarra jazz, contrabbasso jazz, basso elettrico, tromba jazz, trombone jazz, clarinetto jazz, sassofono jazz, batteria e percussioni jazz, canto jazz). Venti aule e quasi 500 studenti all’anno. 
Nei suoi oltre trent’anni di attività, sono passati da queste sale alcuni dei nomi più noti del panorama jazzistico italiano (e non solo) come Rea, Flores, Gatto, Rava, Pieranunzi. 
In una stanza incontriamo all’opera il trombettista Giovanni Falzone, già un nome e chissà forse presto una leggenda!

Siena Jazz, la cultura musicale qui è di casa

Siena jazz

Siena Jazz dal cilindro al dvd Foto  mizio.gem

Siena Jazz è anche molto di più grazie ad una serie di attività tutto tese a divulgare la cultura musicale. Oltre ai corsi accademici, di recente istituzione, Siena Jazz propone anche seminari di approfondimento in alcuni permanenti, altri concentrati in alcuni periodi dell’anno. Molto apprezzati quelli estivi, quando la passione per la musica diventa anche un’occasione per visitare Siena e la sua provincia.

Visto che l’obiettivo di Siena Jazz è sempre la promozione della cultura musicale, non può certo mancare un centro studi che negli anni ha messo su una straordinaria raccolta di volumi, incisioni, video di concerti e film che hanno in qualche modo a che vedere con il jazz. 
Un vero e proprio archivio storico, reso più raro e prezioso dalla varietà di supporti che raccoglie: dal cilindro al DVD… e tutto ciò che sta nel mezzo!
cilindri musicali

Cilindri musicali Foto  mizio.gem

Una raccolta che, solo ad incisioni, ne conta circa 30mila, con nuove acquisizioni ogni anno. Una collezione di questo tipo non può fare a meno di un catalogo informatizzato, che può essere anche consultato on line. Di tutto rilievo anche la biblioteca, aperta anche al prestito, che con quasi 3mila volumi raccoglie praticamente tutti i testi pubblicati che parlano di jazz, comprese copie dei primissimi volumi che sono stati scritti in Europa e in Italia su questo genere musicale.

Archivio

Lo straordinario archivio di Siena Jazz Foto  mizio.gem

Il jazz è fatto di suoni, ma anche di immagini, a volte in bianco e nero, altre sbiadite dal tempo, un patrimonio di immagini, circa 20mila negativi, che Siena Jazz ha raccolto con pazienza, anche grazie a donazioni privati, appassionati e professionisti del settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *