3 viaggi estivi da fare in gruppo

Mentre c’è chi in questi giorni si prepara a partire per le vacanze di Pasqua c’è anche chi, come me, sta già progettando le vacanze estive.

viaggi estivi in gruppo

Viaggiare in gruppo

A ricordarmi che l’estate è vicina sono stati alcuni manifesti che ho visto in metropolitana che pubblicizzavano i viaggi di WeRoad, se vi ricordate ve ne ho già parlato qualche mese fa in quell’occasione però pensavo a viaggi invernali e – come al solito – ero combattuta tra la voglia di partire e il fatto di non trovare nessuno disponibile a partire con me.

Viaggi estivi in gruppo con weroad

In questi casi la risposta è una sola: un viaggio in gruppo, scegli la meta, prenoti, parti e gli amici, anzi i nuovi amici, li trovi a destinazione. E questo non lo dico solo io, è anche lo slogan di WeRoad “Prepara lo zaino, gli amici li portiamo noi”.

Amici è una parola seria e non la uso a sproposito, perché se all’inizio i compagni di viaggio possono essere considerati solo dei conoscenti, spesso durante il viaggio nascono amicizie durature che continuano nel tempo.

ragazze viaggi estivi

Sui vantaggi di fare un viaggio di gruppo vi ho già parlato qualche mese fa, ora lasciatemi aggiungere una precisazione, i viaggi che organizza WeRoad sono pensati per piccoli gruppi, dai 6 ai 15 partecipanti, particolare importante che favorisce l’interazione e la coesione. Inoltre ogni partenza è organizzata per fasce di età, prenotando un viaggio si ha la certezza di viaggiare con dei coetanei, anno più anno meno. WeRoad, infatti, si rivolge a viaggiatori di due fasce d’età: 25-35 e 35-49.

Campo tendato Giordania

Altro valore aggiunto è la politica di WeRoad che punta su una serie di valori positivi, primi fra tutti il rispetto e la voglia di scoperta e di condivisione, anche per questo motivo per i pernottamenti la scelta non si orienta solo verso i più classici hotel, ma anche – a seconda della destinazione – verso alloggi più autentici e tradizionali, come ad esempio a Cuba le case particulares, in Giappone i ryokan o ancora dei campi tendati nel deserto, soluzioni che aiutano i viaggiatori a vivere un’esperienza di viaggio più immersiva e a contatto con le realtà locali.

Tre viaggi estivi da fare in gruppo

Allora visto che ho iniziato parlando di viaggi estivi ecco i miei consigli su tre mete per un viaggio da effettuare tra luglio e agosto

amiche in spiaggia

Thailandia

La Thailandia è sempre un’ottima scelta di viaggio, il Paese del sorriso ha davvero tanto da offrire al viaggiatore. Un viaggio che mette insieme città, archeologia, templi, natura e mare.

chang rai

Perché la Thailandia proprio in estate? In effetti è una destinazione che va bene tutto l’anno, ma il vantaggio di andare in estate è quella che, a differenza di quanto accade qui da noi, è bassa stagione, con tutti i vantaggi che questo comporta. Vero che è anche periodo di monsoni e questo a volte spaventa, ma tenete presente che il più delle volte si tratta di acquazzoni tanto abbondanti quanto brevi. Piogge che arrivano nel tardo pomeriggio o in serata quando la giornata volge al termine e poi non piove mica tutti i giorni! Per quello che mi riguarda ho viaggiato spesso nel Sud Est Asiatico nel mese di agosto e il monsone non è mai stato un problema e al mare non ho visto una goccia di pioggia.

thailandia

Chi va in Thailandia per il mare deve avere però solo un’accortezza: scegliere le isole del lato del Golfo di Thailandia, per capirci isole come Koh Tao, Koh Phangan e Koh Samui. Tre isole molto belle e molto differenti tra loro: Koh Tao, che è la mia preferita, è più tranquilla e meno affollata. É l’isola con i fondali migliori e non a caso è quella preferita dai subacquei. Fondali che si possono apprezzare anche senza doversi necessariamente immergere, a volte basta una maschera e un paio di pinne per ammirare lo splendore del suo mondo sommerso.

viaggi estivi in gruppo al mare

Koh Phangan è invece l’isola dei giovani, l’isola del famoso Full Moon Party. Il divertimento però è assicurato sempre, anche senza luna piena, c’è sempre una festa sulla spiaggia o nella foresta (Jungle Party) alla quale partecipare, con tanto di magliette e vernice fosforescente. A Koh Phangan non si vive solo di notte, mentre c’è chi pensa solo a divertirsi c’è anche chi sceglie questa destinazione per frequentare corsi di meditazione e yoga. Tra le cose imperdibili da fare a  Koh Phangan c’è anche un’escursione di intera giornata al parco marino di Ang Thong famoso per le sue 42 isole, alcune delle quali del tutto disabitate, e una natura spettacolare che difficilmente dimenticherete.

Koh samui

Mentre le due isole precedenti possono essere raggiunte solo in traghetto, Koh Samui ha un aeroporto che la collega direttamente con Bangkok, d’altra parte è anche la terza isola più grande della Thailandia. Tutto questo fa si che l’isola abbia molti più servizi rispetto alle due precedenti, ma anche che sia un pochino più affollata e meno economica. A parte questo piccolo aspetto negativo, Koh Samui offre al viaggiatore dei paesaggi con una montagna centrale e bellissime spiagge. Da vedere anche il Grande Buddha, il tempio Laem Suwannaram, le cascate Namuang e molto ancora.

viaggi estivi in gruppo in Thailandia

Se scegliete un viaggio in Thailandia il consiglio finale è quello di concludere comunque il vostro soggiorno a Bangkok e – prima di prendere l’aereo che vi riporta a casa – scatenatevi con lo shopping. Ci sono alcuni centri commerciali così grandi che non basta un solo giorno per visitarli, spesso ogni piano è dedicato ad una specifica categoria di prodotti e questo facilita gli acquisti. Cosa comprare? Un po’ di tutto: stoffe, gioielli d’argento, spezie colorate, brand di lusso, ma anche smartphone, tablet e fotocamere, il tutto a prezzi molto vantaggiosi. A proposito, ricordatevi di lasciare spazio in valigia, se alla partenza sarà semivuota al ritorno è facile che sia strapiena.

I grandi parchi USA

Altro viaggio estivo che consiglio è quello nell’Ovest Stati Uniti, toccando grandi città come Los Angeles e San Francisco, ma focalizzato l’itinerario sui grandi parchi, per il più classico dei viaggi made in USA: ovvero un viaggio On the road.

viaggi estivi in gruppo negli USA

Vi troverete ad attraversare gli spazi che sembrano infiniti, percorrere alcuni tratti della mitica Route 66 fino a raggiungere luoghi iconici come il Grand Canyon, la Monument Valley, l’Antelope Canyon e la Valle della Morte.

Gran Canyon

In estate le temperature si sentono, questo è innegabile, ma sono comunque del tutto sopportabili, tranne nella Valle della Morte una depressione a meno 86 metri sotto il livello del mare che collega la California con il Nevada e che detiene il record di temperatura più alta della terra. Qui il termometro ha superato i 56 gradi, ma stiamo parlando di un record che risale al 1913, quindi di un evento eccezionale.

Death valley

Comunque qui il caldo si sente, ad aiutarvi in questo caso sono due cose: l’aria condizionata dell’automobile e, soprattutto, la saggia scelta di evitare le ore più calde della giornata e attraversarla nelle prime ore della mattina o verso il tramonto. E visto che la strada porta in Nevada da non perdere una notte a Las Vegas per tentare la fortuna giocando qualche fiches, ma non troppe, alla roulette.

viaggi estivi in gruppo in California

A Los Angeles poi da vedere non solo Beverly Hills e la Walk of Fame, ma anche Venice con tanto di sosta in spiaggia per mettersi alla prova su una tavola da surf.

Isole Azzorre

La terza e ultima destinazione che consiglio per un viaggio estivo è tutta Europea, sono le isole Azzorre un arcipelago politicamente portoghese, ma situato in pieno oceano. Più o meno a metà strada tra Europa (1403 KM dalle coste del Portogallo) e America. Anche se si tratta di un arcipelago, quindi di isole, le Azzorre non sono una meta balneare.

L’arcipelago di origine vulcanica è molto più indicato per chi ama fare trekking che qui trova itinerari adatti a tutti i livelli, dai più facili ai più impegnativi. Se pensate che sono matta a suggerire trekking in piena estate, sappiate che le Azzorre hanno un clima mite, anzi fresco, con temperature che in agosto raggiungono una temperatura massima di 22 gradi. Quindi perfette per chi vuole sfuggire dalla calura estiva delle nostre città.

sulle strade del mondo alle azzorre

Un buon motivo per scegliere le Azzorre è la descrizione che ne ha fatto Lonely Planet quando nel 2017 l’ha inserita fra le destinazioni Best in Travel: “Un connubio perfetto tra una natura sensazionale e la fantastica cultura iberica, le Azzorre offrono un facile accesso e un modesto flusso di visitatori. Affascinante tappa di rifornimento nel viaggio attraverso l’Atlantico, l’arcipelago vanta bellezze naturali che sembrano uscite da decine di diverse brochure patinate: lussureggianti vulcani hawaiiani, villaggi portoghesi medievali, gorgoglianti sorgenti termali scandinave, imponenti scogliere irlandesi e scoscesi crateri della Patagonia“. Una descrizione che in questi ultimi anni le hanno fatte scoprire ad un numero sempre crescente di visitatori.

Le Azzorre sono composte da 9 isole, in base ai giorni a disposizione è possibile optare per una singola isola, Sao Miguel che è la più grande, oppure aggiungere anche le cosiddette isole centrali Terceira, Sao Jorge, Pico e Faial, un viaggio più lungo che consente di avere un’esperienza più completa, non solo trekking ma anche la scalata al Monte Pico, che con il suoi 2351 metri è la cima più alta del Portogallo, un bagno con i delfini o l’avvistamento delle balene che nuotano di queste isole.

Prima vi ho detto che non è una meta balneare, in realtà esistono anche alcune occasioni per fare il bagno in zone più protette come alcune baie, piscine naturali e non ultime le acque termali.

Alle isole Azzorre inoltre si mangia molto bene, soprattutto pesce, e si spende poco. L’esperienza più bella per me sono stati i trekking lungo sentieri costeggiati da enormi cespugli di ortensie in fiore, così grandi che a volte ci si passa dentro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *